max il treiner e la domenica a belgrado..

max il treiner e la domenica a belgrado..

Il treiner di max mi ascolta, sempre. Lo chiamo il sabato per chiedergli consiglio su cosa fare con max lo tengo un’ora al telefono per spiegargli che si siede che però non so, mi sembra che finga che sia ubbidiente per finta e infatti alla prima occasione si leva con una pervicacia encomiabile la specie di museruola che mi ha dato il treiner. Il treiner è’ un tipo robusto quadrato, un po’ americano con una moglie incinta altissima, un bambino biondo, un labrador biondo anche lui e che all’inizio sembra perfetto e poi gli succede di tutto, gli si rompe la macchina, rimanda gli appuntamenti per pioggia e a volte ride fuori posto. Ma il trainer mi capisce, posso parlare con lui ore e ore di cose veramente stupide sul mio cane senza sentirmi idiota.. sono pochi quelli con cui posso parlare di max ed in genere se li trovo dopo un po’ penso “madonna ma questo è proprio fissato con i cani”. Con il mio treiner no, lui la fa apparire una cosa filosofica, psicologica della serie stai bene con il tuo cane e stai bene con te stesso e con il mondo,  mi spiega il concetto di alfa e di gruppo, etologia, scienza, controllo. Così interessante. Nelle nostre camminate abbiamo anche rincontrato bubu e il suo padrone.-fustacchione .. “Abbiamo iniziato un traing” gli ho detto entusiasta, non tanto per il trainer, ma perchè il fustacchione arrancava per riprendere il proprio cane che aveva un orribile cono sul collo per non grattarsi due ferite alle zampe che sembravano abbastanza serie..Un pensiero malvagissimo mi è venuto in mente ah ah vedi?ha avuto il fatto suo lo stupido cane che mangia i leoni!!

Insomma il mio treiner è la cosa più vicina al coach life che abbia mai provato e lì ho capito perchè sono a belgrado. O forse è perchè sono a belgrado che ho trovato un treiner… in effetti due giorni fa sono andata a vedere una casa con giardino in una periferia molto popolare di belgrado. sospetto che la casa che mi hanno offerto sia totalemnte abusiva costruita con il cartongesso nel giardino posteriore. Comunque sono andata ovviamente con max. l’ho caricato su un tramvai e apparte aver cercato di azzannare un senza tetto che blaterava non so cosa,  si è trovato  molto bene e anzi più persone si sono avvicinate per chiedermi se allora si possono portare i cani in tramvai perchè in effetti anche loro hanno cani e si fanno i chilometri a piedi per spostarsi..sicuramente non erano di Belgrado, perchè noi cittadini lo sappiamo che basta mettergli una finta museruola per andare in tranvai.

Siamo arrivati in questa casa, di cartone, ma con un giardino molto carino un cane femmina e un buco nel recinto che dà su un parco nel retro. Io e il padrone, veterinario di campagna, parlavamo, max è impazzito ha corso, ha giocato, è andato via ed è tornato felice. Ho raccontato al padrone di casa veterinario che ho un po’ di problemi con l’aggressività di max verso gli altri cani e lui mi ha detto: “vabbè castralo, che problema c’è, rimane sociale con gli altri cani, ma non ha problemi con le cagne femmine.. e con l’aggressività”….Lì mi sono illumnitata,cacchio forse la risposta è la campagna e questa saggezza semplice e diretta, altro che la nostra nevrosi cittadina, la continua ricerca del punto alfa..

Poi però torno al parco in città e trovo queste due signore splendide, sui settant’anni, che mi bloccano per mezz’ora, parlando con me ma soprattutto parlandosi sopra. Una che chiacchiera con il cane e con me, l’altra che mi spiega che è appena uscita dall’asportazione di un tumore alla gola “per questo parlo così basso” (ha una voce normalissima) e abbassa gli occhi allargandoli con uno sguardo eloquente a dire.. non so se mi spiego. intanto l’altra è in piedi e quasi danza e mi parla in francese perchè ha vissuto quattro anni in francia da un bambina perchè il padre era immigrato a parigi, e mi spiega dove andare a ballare li vicino che devo andare il venerdì che il sabato ci sono quelli più maturi .. come si dice.. agèe e ride e sorride seduttiva raccontando dell’attachèe militare italiano con cui era andata a bere la sera prima.. anche lui certo agè. Nello stesso momento l’altra mi racconta del suo viaggio in italia da giovane quando la chiamavano bella signorina.. “lo diresti? ora ho settantre anni”.  Lei cattolica della Vojvodina mi dice si anche tu sei cattolica e mi spiega dove sono le chiese della mia presunta fede .. e l’altra che le dà sulla voce  e racconta che è andata a pasqua al tempio di san sava e in pratica ha flirtato con il pope.. meravigliose. Ruza e Mira. Potevano venire direttamente da un racconto di Fruttero e Lucentini e invece erano al parco di Tasmajdan.

Tags :

3 Responses to “max il treiner e la domenica a belgrado..”

1. Lilit
said on May 12th, 2009 at 14:19

Se Fellini dovesse rinascere, lo farà di sicuro a Belgrado!
Una notte, verso le 3, un 7 anni fa, tornavo a casa a Banovo Brdo. Entrando nel palazzo, mi vedo il vicino che con la pila in mano guarda all’interno dell’armadio dei contatori per la luce. Era estate e lui addosso aveva la canottiera da muratore ed il fazzoletto sulla testa con i 4 nodi legati attorno, come si vedono in certi film degli anni 60. Non ho mai capito a cosa servissero qui fazzoletti in testa? Accendo la luce e lo guardo con la bocca aperta e lui mi dice: “Komsinice, kontrolisem!” Vicina, sto controllando! Qualcuno mi sta rubando la corrente! Devo scoprire chi è. Ho messo la sveglia ad ogni ora. Lo scoprirò io, non mi sfuggirà! Se vuole, controllo anche il suo” . Ho detto: “Va bene, io vado a dormire, lei mi tenga informata!” La sindrome di balkanski spijun e di congiura, se non proprio internazionale va bene pure condominiale, è eterna a Belgrado. Lucy, che passa, non ci scrivi niente? Possibile il sogno di Kostunica si è avverato?

2. beppe
said on May 15th, 2009 at 12:26

Saluti a te e a quel bosgnoccolone di max!

3. Eri
said on June 4th, 2009 at 13:24

Non c’è che dire, chi non lo vive non può neppure lontanamente immaginare cosa significhi Serbia!
Adoro i Serbi, beata te, che invidia!
Ciao

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: