queer sarajevo festival un festival come ogni altro

festival kao svaki 2 - a festival as any other

uno slogan… certo, uno sforzo, una forzatura, un segno.

Dopo lo spazio fisico negato,  bisognava scegliere e capire come proseguire. Per questo la sottrazione dei corpi alla brutalita arrogante e fondamentalista era necessaria. Abbiamo sottratto i corpi e li abbiamo sottolineati attraverso 100 cartelloni pubblicitari distribuiti sul territorio della BiH, lo spot video emesso sulla TV, un jingle radiofonico, un film sullo scorso festival ed una sezione sul sito dell’associazione q che raccolga tutto.

Un anno fa ero dentro l’accademia di belle arti e poi fuori a guardare e respirare l’odio di tifosi di calcio e tifosi di dio… Un anno fa quando abbiamo deciso che era tempo di andare ho camminato per la prima volta in viata mia con due bottiglie di vetro vuote (succo di frutta)  nelle mani pronta a spaccarle sulla testa dei “normali”.

Stanotte sono a casa, sono dentro un silenzio che mi pesa. Il mio corpo e’ stato sottratto alla violenza ma allo stesso corpo e’ stato sottrato molto molto di piu.

Guardo i miei gemelli addormentati sul divano, la loro convinzione che il mondo sia buono e la loro prima dolorosa sorpresa per essere stati derisi per il colore “femminile” di una maglietta.  Guardo questa citta assediata da una politica falsa e mi manca l’aria. Questa citta che splende per i turisti, che affascina per la sua storia e’ abitata da figurette monodimensionali e razziste, pronte a saltare alla gola in nome della religione, della morale… convinte che la normalita passi per una linea eterosessuale monotona che vuole le femminie con capelli lunghi e gonne ed i maschi in pantaloni e capelli corti.

Come se la vita possa essere ristretta a femmine sorridenti e affaccendate attorno a cucine , aspirapolveri e bambini ( maschi, naturalmente) e maschi surriscaldati da calcio, motori e stipendi sicuri… come se la vita non fosse piena di eccezioni.

Arte, cultura, spettacolo, colori, invenzione, spudoratezza… censurati!

L’arcobaleno, censurato!

Tags : , , , , , , ,

One Response to “queer sarajevo festival un festival come ogni altro”

1. Ale
said on October 4th, 2009 at 23:06

“e’ abitata da figurette monodimensionali e razziste”…sono sicuramente la minoranza…però la maggioranza è silenziosa e stanca…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: